lit

l’arte di collezionare fallimenti

Partecipano all'evento:
Fredrik Sjöberg, Matteo Bordone

Café Rouge

29 Febbraio
ore 17:00

Mamma è matta, papà è ubriaco (Iperborea 2020), ultimo libro dello scrittore, entomologo e collezionista svedese Fredrik Sjöberg, racconta la vicenda di due pittori nordici d’inizio Novecento: uno godrà di una grande fortuna postuma, l’altro è destinato all’oblio. Hanno sposato la stessa donna, sono entrati fra un nugolo di parenti e amici in una labirintica e ricchissima famiglia di imprenditori svedesi, hanno girato il mondo, lasciato tracce ora evidenti ora segrete un po’ dovunque. Ci sono tutti gli elementi per incuriosire un cacciatore di storie come Sjöberg, che non si lascia sfuggire l’occasione di ricostruire complessi alberi genealogici e di intrecciare vicende di carriere luminose (da Modigliani a Picasso, da Brecht a Cendrars), lasciando spesso la strada maestra per produrre nei suoi détours inaspettate esplosioni di senso. Il risultato finale è che con la sua consueta ironia ed eleganza Sjöberg non racconta solo le biografie di questi personaggi ma quella di un’epoca intera, il XX secolo. L’autore presenta il suo libro in dialogo con Matteo Bordone.

Foto © Bahman Adlou, Unsplash


Fredrik Sjöberg

Scrittore, entomologo, collezionista e giornalista culturale, dopo gli studi di biologia a Lund ha passato due anni viaggiando intorno al mondo. Dal 1986 vive sull’isola … →

Matteo Bordone

Matteo Bordone è nato a Varese negli anni della crisi petrolifera. Vive a Milano con due gatti e molti ciclidi. Lavora da anni a Radio2 … →