lit

Vivere (e scrivere) senza radici: la ricerca letteraria e personale di Björn Larsson

Partecipano all'evento:
Björn Larsson, Valerio Millefoglie

1 Maggio
ore 15:15

27 agosto 1961, Skinnskatteberg, Svezia centrale. Una piccola barca a motore carica di sei uomini e due bambini prende il largo nel lago Nedre Vätter durante una gara di pesca. Un altro bambino non ha voluto accompagnare a bordo il padre ed è tornato a casa. A notte fonda lo sveglia un grido disperato: la zia ha saputo che la barca è stata ritrovata capovolta e i passeggeri sono dispersi. Gli otto corpi vengono poi recuperati, ma la dinamica dell’incidente resterà per sempre oscura. A Skinnskatteberg tutti piangono le vittime, tutti tranne quel bambino, che di nome fa Björn Larsson, diventerà uno dei più noti scrittori svedesi e sessant’anni dopo scriverà Nel nome del figlio (Iperborea 2021) proprio per cercare di ricostruire quella vicenda. Perché non ha mai pianto per la morte di suo padre? Perché ai personaggi delle sue storie non ha mai dato una famiglia, dei parenti, un passato? Perché ha sempre vissuto da orfano, senza radici e senza desiderarne? E chi era veramente quel giovane uomo morto a soli 29 anni? Ai Boreali l’autore racconta il suo ultimo libro in dialogo con Valerio Millefoglie.

Foto © Wes Grant, Unsplash


Björn Larsson

Nato a Jönköping nel 1953, per molti anni docente di letteratura francese all’Università di Lund, filologo, traduttore, scrittore e appassionato velista, è uno degli autori … →

Valerio Millefoglie

Scrittore e giornalista, ha pubblicato, fra gli altri, Manuale per diventare Valerio Millefoglie (Baldini&Castoldi Dalai editore 2005), L’attimo in cui siamo felici (Einaudi 2012), la … →

film

«Scompartimento n.6 – In viaggio con il destino»

Con Andrea Chimento

lit

Inaugurazione. L’olandese irrequieto: Mathijs Deen, tra antiche strade, fari galleggianti e rotte fluviali

Con Mathijs Deen, Matteo Caccia

×
food

Nordic brunch

lit

Confessarsi e mentire: Vigdis Hjorth e la via norvegese all’autofiction

Con Vigdis Hjorth, Natascha Lusenti

×
talk

Questioni di genere: cosa possiamo imparare dal Nord Europa?

Con Jenny Jägerfeld, Ludovica Lugli, Siri Nergaard, Paolo Armelli

×
talk

La luce in fondo. Note sull’immaginario televisivo scandinavo

Con Fabio Guarnaccia, Sarah Rezakhan

×
lab

Dalle fonti storico-mitologiche alla cultura pop: i casi di «Vikings» e «Ragnarok»

Con Anna Brännström, Luisella Sari

×
kids

Bimbo Birbone combinaguai

Con Martina Folena

kids

Vita da Ulf: avventure in bicicletta

Con Irene Gandolfi, Tomàs Acosta

lit

Reading al buio: alla scoperta di Selma Lagerlöf

Con Elisabetta Corradin, Laura Pezzino, Emilia Lodigiani

×
lit

Cosa ci rende umani? Dalle sponde della Mosa agli ominidi dell’isola di Flores con Frank Westerman

Con Frank Westerman, Andrea Staid

×
film

«Lamb»

Con Andrea Chimento

food

Nordic brunch

live

«Ocean Letters», live

Con Hannah Schneider, Siri Ranva Hjelm Jacobsen

live

«Il nostro bisogno di Stig». Omaggio a Stig Dagerman, per musica e parole

Con Giorgio Fontana, Matteo Pirola

live

Northern chaos gods. Storia del black metal norvegese

Con Federico Bernocchi

×
kids

Un’amicizia grande grande per un signore piccolo piccolo

Con Martina Folena

kids

Quando uno scarabeo sbatte le ali nello Småland…

Con Irene Gandolfi, Tomàs Acosta

lit

Vivere (e scrivere) senza radici: la ricerca letteraria e personale di Björn Larsson

Con Björn Larsson, Valerio Millefoglie

×
lit

«L’aria intorno a noi» di Tom Malmquist: quando un cold case diventa letteratura

Con Tom Malmquist, Piero Colaprico

×